Siamo aperti, ma abbiamo ridotto fortemente il nostro personale in ufficio per motivi di sicurezza. Gli ordini possono essere evasi un po' più lentamente del solito.

Cacharel

Tutto è iniziato nel 1958 quando Jean Bousquet, nato a Nîmes, appena diplomato come sarto, venne a Parigi per avviare una piccola attività di produzione di pantaloni da donna.

Nel marzo 1962, ha dato alla sua società il nome di un uccello della Camargue: Jean Cacharel, e l'anno dopo ha ottenuto il suo primo grande successo quando il fotografo Peter Knapp ha scattato una foto alla ormai leggendaria camicia rosa crespo che è finita sulla copertina della rivista Elle. La camicia è stata poi chiamata: Le Cacharel.

Emmanuelle Khan e Corinne Sarrut vengono rapidamente assunte per disegnare le collezioni. Nel 1968 Sarah Moon, una giovane fotografa sconosciuta, incontra Jean Bousquet. È stato l'inizio di una felice collaborazione rafforzata con l'arrivo del pubblicista Robert Delpire. I quattro danno vita all'universo Cacharel: un universo romantico, immortalato attraverso immagini indimenticabili e poetiche. Alla fine degli anni '60, le camicette Liberty sono apparse per la prima volta, e da allora Cacharel è diventato un marchio fiorente e un punto di riferimento della moda, con gli abiti Liberty che sono diventati popolari tra la generazione degli anni '70. Dopo aver lanciato le sue prime collezioni di abbigliamento maschile, femminile e per bambini e aver ricevuto l'Oscar per l'esportazione nel 1969, Jean Bousquet ha diversificato la sua attività ramificandosi nella profumeria: Anaïs Anaïs, il suo primo profumo, rimane oggi una delle fragranze più vendute al mondo; Loulou, Noa, Amor Amor e Scarlett seguiranno. L'ultimo è uscito quest'anno: Amor Amor Forbidden Kiss. All'inizio del 2000, Cacharel ha intrapreso un serio cambiamento per ritrovare l'energia creativa dei suoi inizi: i talentuosi designer Clements-Ribeiro hanno permesso a Cacharel di partecipare alla settimana della moda parigina e di incontrare ancora una volta il successo. Fu poi il turno dei re inglesi delle stampe Eley Kishimoto a disegnare le collezioni della Casa Tronchet per tre stagioni. Nel 2009, il designer belga Cédric Charlier ha disegnato collezioni romantiche con tagli precisi per quattro stagioni. Nel novembre 2009, Cacharel ha firmato un contratto di licenza con il Gruppo italiano AEFFE (Alberta Ferretti, Philosophy, Moschino, Pollini...), a seguito del quale la Casa francese, la più forte, si è davvero aperta a livello internazionale. Oggi Cacharel è venduto in una rete di negozi multimarca e concept store in Francia e nel mondo (Barneys, Saks, Harvey Nichols, le Printemps, ...) mentre i nuovi designer Dawei Sun e Ling Liu presentano la nuova collezione primavera-estate 2012 e tornano ai tradizionali codici della casa: freschezza, romanticismo e femminilità.

Coronavirus - Impact

Our status in real time